Come scegliere i KPI

Come scegliere gli indici di performance (Key Performance Indicator) per valutare il successo nel raggiungimento degli obiettivi aziendali?

Si può operare tenendo conto di poche semplici regole:

  • Bisogna definire un obiettivo che possa realmente modificare la performance dell’intera azienda (cioè un Fattore Critico di Successo);
  • Bisogna decidere quali azioni compiere per ottenere quella performance;
  • Bisogna stabilire un target inteso come risultato finale, che deve essere espresso da una misura;
  • Il target deve essere raggiungibile, non troppo alto e quindi ragionevolmente irraggiungibile, né troppo basso e pertanto inutile;
  • Il target deve essere condiviso dal team per la sua concretezza;
  • Bisogna individuare il o i kpi più rappresentativi per misurare i progressi per raggiungere l’obiettivo desiderato chiedendosi: come questa misura può influenzare il risultato?
  • I kpi devono essere misurabili. Le misurazioni possono essere ricavate dal sistema informativo aziendale o possono essere raccolte con altri mezzi, anche manualmente;
  • La misurazione deve essere facile e oggettiva;
  • Bisogna valutare se il kpi è significativo da solo o abbia bisogno di essere aggregato ad altri indicatori per interpretare correttamente la performance;
  • Il kpi deve essere in grado di misurare sia i miglioramenti che i peggioramenti verso il risultato finale;
  • Bisogna individuare, oltre al risultato desiderato, anche una soglia minima e un risultato intermedio ritenuto soddisfacente;
  • Bisogna stabilire una frequenza con cui rilevare il kpi, per esempio settimanale, mensile o trimestrale;
  • Il monitoraggio del kpi non deve essere eccessivamente costoso o meglio, deve essere fatta un’analisi costo-beneficio in base al valore attribuito a quell’indicatore;
  • Bisogna individuare la persona responsabile di rilevare la misurazione;
  • La raccolta dei dati deve essere memorizzata e storicizzata per valutare il successo o l’insuccesso della strategia adottata, tramite l’esame dell’andamento nel tempo;
  • Rivedere i kpi periodicamente per adattarli a nuovi obiettivi strategici o qualora non si dimostrino in grado di monitorare la performance.

Nella filosofia Kaizen per il Miglioramento continuo, il coinvolgimento del team per il raggiungimento degli obiettivi rappresenta una chiave di successo per l’azienda.

I KPI che misurano il successo strategico dell’azienda, possono diventare uno strumento per risolvere il problema del coinvolgimento dei dipendenti e, in questo modo, raggiungere risultati di alta qualità a livello di processi organizzativi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *